IMGP0514.JPG

CHI SONO

Filippo Pollara
Premananda

Filippo_eventi_GONG_imola_oroluce.jpg

Life Coach, India Master Yoga & Meditation, Advanced Gong Master, autore best seller con il libro "La Luce che Guarisce".

Sin da bambino ha in sé il fuoco della ricerca interiore. Intuisce che ogni azione richiama una reazione consequenziale. Ha la consapevolezza che  il modello esistenziale basato sull’Avere è una distorsione dell’esistenza, un vero insulto alla natura dell’uomo.

In totale ribellione con la famiglia e con le istituzioni religiose, a 14 anni circa inizia a praticare la disciplina del Karate il cui significato è Via della mano vuota. Ha vissuto le competizioni sportive con il fuoco del ribelle sfogando le emozioni soffocate in casa. Per 16 anni si è formato alla scuola dello Sport del Coni a Roma.

Istruttore dal 1982, nel 1995 riceve il titolo di Maestro e cintura 5° Dan. Il più giovane maestro 5’ Dan (a soli 35 anni) di tutta la storia italiana di Karateka. Nella sua formazione iniziale, ha ottenuto specializzazioni in Personal Trainer e Istruttore di Nuoto. Ha esperienze maturate nell’Aikido nel Tai-Chi e Qi-Qong.

Ritenendo il Karate uno strumento di ricerca ormai obsoleto per la sua crescita, con determinazione lascia l’insegnamento nel maggio del 2000. In questi anni è sempre stato acceso in lui un supremo desiderio che ha alimentato ogni aspetto della sua vita: la realizzazione dell’Anima.

Nel 1989 motivato da due discopatie, abbraccia l’Hatha Yoga portando a termine il percorso di specializzazione all’insegnamento nel 2000. Percorso che ha avuto il suo apice con l’esperienza del “Risveglio” (01/03/2002). 

La scienza definisce questo rinnovato stato di coscienza come “Salto Quantico”.

Da quel momento in poi le tecniche erano vuoti contenitori da riempire con la Sua Amorevole Guida. Da quel potenziale mosaico tanti tasselli si erano messi a posto.

Il “quadro” era pronto per essere strumento di evoluzione per altre anime.

Nel 2003 le meditazioni attive di Osho in cui trova profonde analogie con le arti marziali così efficaci sul corpo emozionale.

In estrema sintesi altre tappe fondamentali che hanno segnato il suo percorso: a 21 anni incontra un monaco indiano e con lui la meditazione buddista; a 33 anni inizia la meditazione con la recitazione dei mantra; a 40 anni il 1’marzo 2002 riceve la Diksha (iniziazione divina) dalle mani posate su di lui per circa 20 minuti, dal grande Maestro spirituale Bagawan Sri Satya Sai Baba a Puttaparty (India). 

Da questa “Grazia”, subisce una trasformazione nella coscienza.

La sua Anima si desta alla consapevolezza Divina e all’Amore universale.

Cade il velo di Maya, cioè cade l’Ego, ciò che impediva di vedere e sentire la natura divina dell’Esistenza. 

 

In quelle rare occasioni in cui parla della sua esperienza dice:  

”.. In un istante si accese la LUCE e con il tempo mi resi conto di aver dormito per 40 anni di questa vita. Fu come raccontano coloro i quali ritornano da un esperienza di Coma che dicono di aver “visto” il film della loro vita in una sequela velocissima di fotogrammi, una sorta di Reset per un “riavvio” /rinascita…. In effetti da quel momento non fui più lo stesso di prima, la percezione della realtà si era totalmente modificata. Le persone care stentarono ad abituarsi al Nuovo Filippo. E’ stato un cambiamento radicale, né bello, né brutto. Una trasmutazione alchemica.

E’ successo! Nei primi anni dopo il Risveglio è stato difficilissimo vivere un Mondo che non sentivo allineato alla Mia particolare nonché Divina percezione.”

 

A seguito del suo divino risveglio si aprirono nuove strade e se ne chiusero altre fino alla nascita nel Settembre 2003 del Centro Olistico SatyaOM. 

Nel 2005, durante un incontro personale con Shunyo, diretta discepola di Osho, accetta di ricevere il nome spirituale Sw. Prem Bodhi (maestro d’amore e consapevolezza) e con esso il suo profondo significato del Tyaga Sannyasin (monaco di concezione moderna, che pur stando nel mondo rinuncia ai frutti derivanti dalle sue azioni). Un secondo battesimo che è segno inequivocabile di una rinascita. Un nome che ha poi trasformato nel suo attuale Premananda, ricevuto in connessione con il suo Sé Superiore. 

Dalla sua meravigliosa e straordinaria esperienza di “Risveglio”, è tornato in India altre 8 volte con il gruppo dei suoi diretti allievi che lo seguono sempre più numerosi. Questi ultimi ritornano nelle loro rispettive vite più consapevoli e grati per aver vissuto un soggiorno di meditazione, purificazione e amore. In questi anni grazie al Suo Amore incondizionato che esprime nelle sue discipline, numerose sono le anime che hanno riscontrato in coscienza un miglioramento di consapevolezza ed un graduale distacco verso i “prodotti” dell’Ego.

 

Ad oggi sono stati nove i viaggi in India dove ha maturato esperienze nell’ambito dell’Hatha Yoga, Bakty Yoga, Raja Yoga e Karma Yoga. Inoltre due viaggi in Egitto e uno in Terra Santa alla riscoperta di antiche memorie che serviva lasciare e integrare in questa vita. Vegetariano dal 2002, nel 2009 gli viene diagnosticato una epatite autoimmune che per due lunghi anni lo ha fortemente condizionato fino a giungere a uno stato precirrotico. Una  Ben-Attia che ha risolto non assumendo mai un farmaco ma lavorando sulle informazioni cellulari di un antico passato. Ciò che lo ha fondamentalmente sostenuto è la Fede divina e la mancanza di paura di morire. Nel 2010 il ricongiungimento con la tradizione cristiana con la Grazia ricevuta a Medjougorie. Ha vissuto la visione/locuzione interiore della Madonna e di Gesù. Ha organizzato 7 viaggi in quella terra benedetta da Dio, dove ogni volta ha ritrovato parti del suo Sé che si erano persi nei meandri dell’esperienza umana.

 

La sua formazione spazia dalle più antiche tecniche di meditazione, alle più recenti scoperte scientifiche che “lavorano” sull’inconscio, nostro contenitore e pilota automatico del passato. Nei pellegrinaggi ha trovato uno straordinario strumento per contattare molte anime per passargli energeticamente il messaggio essenziale dell’Esistenza Umana cioè che siamo AMORE e da questo “centro” tutto esiste e si evolve.

La Sua Guida è riequilibrante rispetto agli “ismi” dogmatici pseudo religiosi. 

Nell’aprile 2015 realizza un altro Salto quantico in cui vive nel “corpo” emozionale la passione di Gesù Cristo realizzando la Sua Divina appartenenza al Raggio Cristico.

Ad oggi più che mai Filippo vive uno stato di “Non attaccamento” e amore incondizionato. In un divenire particolarmente accelerato dal Fuoco che brucia ogni traccia del suo passato “ricorda” energeticamente i suoi talenti di Sciamano guaritore divenendo anche un suonatore di Gong e percussioni angeliche. Oggi è un certificato Gong master advanced nonché terapista del suono. Oltre alle sessioni collettive di   Hatha Yoga, Bagni di Gong,Yoga Nidra con campane di cristallo, Postura Emozionale, Yoga Posturale, Meditazione,  il suo “lavoro” (a tempo pieno) è principalmente rivolto al singolo individuo/anima per la sua trasformazione e allineamento al Nuovo Modello Energetico Planetario. 

A seguito della sua guarigione dalla Ben-Attia avvenuta nel 2011 ha creato un metodo di riprogrammazione cellulare che lavora principalmente sulle ferite inconsce che ha chiamato MEDITAZIONE QUANTICA. 

 

Dopo oltre 35 anni di esperienza oggi si esprime con un linguaggio trasversale che unisce scienza e coscienza utilizzando le discipline scientifiche della Fisica Quantistica, Epigenetica, Neuroscienze e Cimatica. 

Il suo Credo è che la “Medicina” più potente è l’AMORE semplicemente perché ognuno di noi è incarnazione dell’Amore Divino.

 

Il suo percorso si sintetizza in:

OROLUCE, STUDIO YOGA & SUONI

Sede di Imola